Sarmede

Sarmede

Sembra che il nome della cittadina derivi dalla popolazione barbarica dei Sarnati, di cui sono stati rinvenuti diversi reperti risalenti all’età del bronzo. Da sempre zona di passaggio, durante le prima guerra mondiale fu luogo di smistamento per la tratta ferroviaria che da Sacile portava i rifornimenti al fronte sul fiume Piave, passando per Vittorio Veneto e la Vallata, mentre durante la seconda guerra mondiale fu luogo di rifugio di gruppi partigiani.

Ogni anno si svolge a Sarmede la “Mostra Internazionale dell’Illustrazione per l’Infanzia” nel periodo che va da ottobre a dicembre, trasformando la cittadina in quello che è stato definito il “paese delle fiabe”. A parteciparvi sono abitualmente i più grandi illustratori a livello europeo e mondiale, ma vi sono sezioni aperte anche per le nuove generazioni di illustratori.

Durante il periodo della mostra si svolge inoltre la manifestazione denominata “Le Fiere del Teatro” che rievoca antiche feste popolari con gruppi di strada, mangiafuoco, burattinai, incantatori di serpenti ed altri saltimbanchi.

Da non perdere:

  • Chiesa di san Giorgio: situata a Rugolo, custodisce affreschi del 1400, forse di Andrea di Treviso, e una tela dedicata a S.Giorgio.
  • Chiesa di Sant’Antonio: è la parrocchiale di Sarmede, chiesa barocca del primo XIX secolo, con una semplice facciata a capanna e priva di torre campanaria. Internamente va segnalato l’affresco di Noè Bordignon Gloria di Sant’Antonio da Padova.